OTTIMIZZAZIONE DEI VIDEO SU YOUTUBE

OTTIMIZZAZIONE DEI VIDEO SU YOUTUBE

OTTIMIZZAZIONE DEI VIDEO SU YOUTUBE

YouTube è il secondo motore di ricerca più utilizzato dopo Google, e se stai cercando traffico per il tuo sito web, YouTube è la migliore soluzione. Essendo proprietà di Google, e conseguentemente i video che sono ben posizionati su YouTube avranno più visibilità anche su Google.

I video oramai hanno una popolarità nel campo della comunicazione, e fare video non è più una scelta, ma è diventato fondamentale per chiunque si occupi di marketing digitale.

Ma come si fa ad ottimizzare i video su YouTube?

Innanzitutto, personalizza il tuo canale YouTube come faresti con un sito web: una struttura che ha contenuti facilmente accessibili, avrà una maggiore approvazione da parte degli utenti e quindi del motore di ricerca.

  • Il primo passo da fare è la personalizzazione dell’intestazione, ovvero oltre ad inserire il tuo nome o il tuo brand, devi mettere in evidenza lo slogan/USP che caratterizza il business.
  • Le playlist sono le tue categorie: personalizzando il canale YouTube come un sito web, crea delle playlist in base a macro argomenti del tuo canale, esattamente come faresti per il sito web. Questo modo ti permetterà di aumentare la lunghezza media della sessione degli utenti, per non abbandonare il canale e migliorare il posizionamento SEO dei tuoi video.
  • Metti in evidenza i video: grazie a YouTube puoi incorporare una playlist o un video scelto in tutti i video del tuo canale, così che gli utenti iscritti vedano i contenuti in primo piano. Per sfruttare al meglio la messa in evidenza dei video, puoi selezionarli e metterli in primo piano. Così facendo, il motore di ricerca suggerirà il video in primo piano durante la riproduzione di altri video, spingendo l’utente a guardare più di un contenuto video.

Il tempo di visualizzazione

YouTube da la priorità a video che hanno tempi di visualizzazione più lunghi. Cosa fare quindi per migliorare questi parametri? La cosa più importante è la fidelizzazione del pubblico, ciò significa offrire buoni contenuti in grado di aumentare il numero degli iscritti. Inoltre, è utile sapere che per YouTube vale la regola dei “primi 15 secondi”, ovvero un forte calo entro i primi 10-15 secondi sta ad indicare che il tuo video non è stato apprezzato o non corrisponde a ciò che gli utenti cercano. Detto in altre parole per i professionisti SEO, i primi 15 secondi di un video sono quel tempo che serve per vedere se un utente è davvero interessato a quel video o no. L’ideale sarebbe riuscire a coinvolgere l’utente e far sì che visualizzi l’intero video, ma ciò dipenderà in gran parte da questi primi 10-15 secondi. 

La ricerca di parole chiave

Anche la SEO su YouTube deve attuare un’accurata ricerca delle parole chiave al fine di posizionarsi in cima tra i risultati di ricerca, e questo proposito nn tool utile per la ricerca di parole chiave per i video è il Ddi Google Awords.

 

 

 

Seguici
Tags: ,