Convergenza tra mondo reale e virtuale?

Convergenza tra mondo reale e virtuale?

Sempre più spesso ci circondiamo di oggetti tecnologici collegati alla Rete. Ciò ha portato a cambiamenti nello stesso stile di vita di ciascuno di noi e nelle nostre abitudini. Il classico esempio è quello del cellulare. Noi stiamo molte ore al giorno davanti al nostro smartphone e il più delle volte non per telefonare ma per navigare in Internet. Nei prossimi paragrafi parleremo di questo fenomeno e cercheremo di dare una risposta alla domanda: In internet abbiamo una convergenza tra mondo reale e virtuale?

L’ipotesi di Carlo Blengino

L’ Avv. Carlo Blengino ha ipotizzato che nel prossimo futuro 

non percepiremo più alcuna differenza tra on-line e off-line. Internet sparirà come luogo virtuale a sé stante: già oggi è in realtà parte integrante del nostro mondo fisico

Virtuale vs Fisico / Virtuale vs Reale

Quando parliamo di mondo fisico, parliamo del mondo reale. Quindi la vera contrapposizione è virtuale vs reale. 

Virtuale vs Reale

Virtuale e reale sono sempre contrapposti? Probabilmente no. Infatti, quando parliamo della dimensione di Internet, questi concetti tendono a volte a sovrapporsi. Pensiamo a Facebook: molti di noi hanno un loro profilo. Quello che immettiamo nei nostri profili tramite foto, post, commenti ad altri post ecc.., dice ciò che noi siamo nella dimensione reale.

  • Ma potrebbe capitare che tra 1 anno non ci sia più una corresponsione con quanto abbiamo scritto ad esempio oggi. Si crea così una distorsione tra quello che siamo e quello che Facebook dice che noi siamo (o come disse Stefano Rodotà: “io sono quello che Google dice che io sono“)
  • Oppure può capitare che volontariamente diamo una immagine distorta su Facebook di quello che noi siamo in realtà, per sentirci più vincenti, per vederci conferire più like ecc…

Quindi, alla domanda: Convergenza tra mondo reale e virtuale? Possiamo rispondere che a volte abbiamo questa corrispondenza, e altre volte no.

Qual’è il problema che nasce da questa incongruenza?

Che chi guarda i nostri profili su internet ritiene che la nostra identità virtuale rappresenti la nostra identità reale anche quando così non è. Ciò può risultare dannoso, se protagonista della ricerca di informazioni su di noi nei social è un possibile datore di lavoro.

Seguici
Tags: , , , ,